Non c’è alcun dubbio

Il cake design è la piaga contemporanea di chi come me è cresciuta col naso appiccicato nei fumetti, sognando e ritagliando le fumanti torte di nonna Papera. Questo è il solo periodo dell’anno in cui mi passi per la testa di fare una torta. Ozio, giornate corte , pioggia scozzese, cosa di meglio per accompagnare un tè caldo di una sana torta fatta conle proprie manine? Una torta qualsiasi? Ma si, una classica torta margherita come la faceva la mia mamma. Dato che la mia esperienza in fatto di dolci è pari alla mia memoria per le ricette, cerco aiuto in qualche sito. Panico. A parte la quantità di varianti della stessa (vegana, con zenzero,senza glutine,senza uova,con ilmiele, senza il lievito), per una torta soffice viene richiesto l’uso della planetaria (certo chi non ha una planetaria in casa). Mia madre non sapeva neanche cosa fosse la planetaria eppure le sue torte erano sofficissime, ce la posso fare. Accendo il forno, ingredienti , impasto, teglia et voilà, ora devo solo aspettare. E se come al solito mi uscisse con quel color brunitello e un pò gonfia da una parte e sgonfia dall’altra? (le dune sono la caratteristica principale delle mie torte) Meglio correre ai ripari mi guardo qualche modoso tutorial sull’argomento. Di nuovo panico. A parte la serie di attrezzi necessari che ormai la qualunque neofita chiama confidenzialmente “modelling tools”, passami la ball tool, tieni la leaf shaping tool…” (conversazione tra una casalinga di Cuneo e la sua amica di cucina di Sorrento) , pare che l’elemento base sia una pasta di zucchero che viene colorata, modellata, tirata,ritagliata e appiccicata dopo avere fatto tanti e tali passaggi di mani e attrezzi che neanche il pongo usato dai bambini alla scuola materna. Certo se non sai fare il fiore sei una sfigata..e se non metti almeno un animaletto con tanto di orecchie e zampette che torta è…e dato che ci sei mettici almeno un merletto di zucchero cristallizato…Tempo scaduto, la mia torta è pronta! il profumo c’è, le dune anche…è la mia torta, perfetta così com’è!

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *